Actions

Chapter 19

Chapter 1 Capitolo 1
Chapter 10 Capitolo 10
Chapter 11 Capitolo 11
Chapter 12 Capitolo 12
... further results

The Adventures of Pinocchio · 1 · 2 · 3 · 4 · 5 · 6 · 7 · 8 · 9 · 10 · 11 · 12 · 13 · 14 · 15 · 16 · 17 · 18 · 19 · 20 · 21 · 22 · 23 · 24 · 25 · 26 · 27 · 28 · 29 · 30 · 31 · 32 · 33 · 34 · 35 · 36

If the Marionette had been told to wait a day instead of twenty minutes, the time could not have seemed longer to him. He walked impatiently to and fro and finally turned his nose toward the Field of Wonders.

And as he walked with hurried steps, his heart beat with an excited tic, tac, tic, tac, just as if it were a wall clock, and his busy brain kept thinking:

"What if, instead of a thousand, I should find two thousand? Or if, instead of two thousand, I should find five thousand - or one hundred thousand? I'll build myself a beautiful palace, with a thousand stables filled with a thousand wooden horses to play with, a cellar overflowing with lemonade and ice cream soda, and a library of candies and fruits, cakes and cookies."

Thus amusing himself with fancies, he came to the field. There he stopped to see if, by any chance, a vine filled with gold coins was in sight. But he saw nothing! He took a few steps forward, and still nothing! He stepped into the field. He went up to the place where he had dug the hole and buried the gold pieces. Again nothing! Pinocchio became very thoughtful and, forgetting his good manners altogether, he pulled a hand out of his pocket and gave his head a thorough scratching.

As he did so, he heard a hearty burst of laughter close to his head. He turned sharply, and there, just above him on the branch of a tree, sat a large Parrot, busily preening his feathers.

"What are you laughing at?" Pinocchio asked peevishly.

"I am laughing because, in preening my feathers, I tickled myself under the wings."

The Marionette did not answer. He walked to the brook, filled his shoe with water, and once more sprinkled the ground which covered the gold pieces.

Another burst of laughter, even more impertinent than the first, was heard in the quiet field.

"Well," cried the Marionette, angrily this time, "may I know, Mr. Parrot, what amuses you so?"

"I am laughing at those simpletons who believe everything they hear and who allow themselves to be caught so easily in the traps set for them."

"Do you, perhaps, mean me?"

"I certainly do mean you, poor Pinocchio - you who are such a little silly as to believe that gold can be sown in a field just like beans or squash. I, too, believed that once and today I am very sorry for it. Today (but too late!) I have reached the conclusion that, in order to come by money honestly, one must work and know how to earn it with hand or brain."

"I don't know what you are talking about," said the Marionette, who was beginning to tremble with fear.

"Too bad! I'll explain myself better," said the Parrot. "While you were away in the city the Fox and the Cat returned here in a great hurry. They took the four gold pieces which you have buried and ran away as fast as the wind. If you can catch them, you're a brave one!"

Pinocchio's mouth opened wide. He would not believe the Parrot's words and began to dig away furiously at the earth. He dug and he dug till the hole was as big as himself, but no money was there. Every penny was gone.

In desperation, he ran to the city and went straight to the courthouse to report the robbery to the magistrate. The Judge was a Monkey, a large Gorilla venerable with age. A flowing white beard covered his chest and he wore gold-rimmed spectacles from which the glasses had dropped out. The reason for wearing these, he said, was that his eyes had been weakened by the work of many years.

Pinocchio, standing before him, told his pitiful tale, word by word. He gave the names and the descriptions of the robbers and begged for justice.

The Judge listened to him with great patience. A kind look shone in his eyes. He became very much interested in the story; he felt moved; he almost wept. When the Marionette had no more to say, the Judge put out his hand and rang a bell.

At the sound, two large Mastiffs appeared, dressed in Carabineers' uniforms.

Then the magistrate, pointing to Pinocchio, said in a very solemn voice:

"This poor simpleton has been robbed of four gold pieces. Take him, therefore, and throw him into prison." The Marionette, on hearing this sentence passed upon him, was thoroughly stunned. He tried to protest, but the two officers clapped their paws on his mouth and hustled him away to jail.

There he had to remain for four long, weary months. And if it had not been for a very lucky chance, he probably would have had to stay there longer. For, my dear children, you must know that it happened just then that the young emperor who ruled over the City of Simple Simons had gained a great victory over his enemy, and in celebration thereof, he had ordered illuminations, fireworks, shows of all kinds, and, best of all, the opening of all prison doors.

"If the others go, I go, too," said Pinocchio to the Jailer.

"Not you," answered the Jailer. "You are one of those - "

"I beg your pardon," interrupted Pinocchio, "I, too, am a thief."

"In that case you also are free," said the Jailer. Taking off his cap, he bowed low and opened the door of the prison, and Pinocchio ran out and away, with never a look backward.

Pinocchio è derubato delle sue monete d’oro e, per gastigo, si busca quattro mesi di prigione.

Il burattino, ritornato in città, cominciò a contare i minuti a uno a uno; e, quando gli parve che fosse l’ora, riprese subito la strada che menava al Campo dei miracoli.

E mentre camminava con passo frettoloso, il cuore gli batteva forte e gli faceva tic, tac, tic, tac, come un orologio da sala, quando corre davvero. E intanto pensava dentro di sé:

- E se invece di mille monete, ne trovassi su i rami dell’albero duemila?… E se invece di duemila, ne trovassi cinquemila?… E se invece di cinquemila ne trovassi centomila? Oh che bel signore, allora, che diventerei!… Vorrei avere un bel palazzo, mille cavallini di legno e mille scuderie, per potermi baloccare, una cantina di rosoli e di alchermes, e una libreria tutta piena di canditi, di torte, di panettoni, di mandorlati e di cialdoni colla panna.

Così fantasticando, giunse in vicinanza del campo, e lì si fermò a guardare se per caso avesse potuto scorgere qualche albero coi rami carichi di monete: ma non vide nulla. Fece altri cento passi in avanti, e nulla: entrò sul campo… andò proprio su quella piccola buca, dove aveva sotterrato i suoi zecchini, e nulla. Allora diventò pensieroso e, dimenticando le regole del Galateo e della buona creanza, tirò fuori una mano di tasca e si dette una lunghissima grattatina di capo.

In quel mentre sentì fischiare negli orecchi una gran risata: e voltatosi in su, vide sopra un albero un grosso pappagallo che si spollinava le poche penne che aveva addosso.

- Perché ridi? - gli domandò Pinocchio con voce di bizza.

- Rido, perché nello spollinarmi mi son fatto il solletico sotto le aIi.

Il burattino non rispose. Andò alla gora e riempita d’acqua la solita ciabatta, si pose nuovamente ad annaffiare la terra che ricuopriva le monete d’oro.

Quand’ecco che un’altra risata, anche più impertinente della prima, si fece sentire nella solitudine silenziosa di quel campo.

- Insomma, - gridò Pinocchio, arrabbiandosi, - si può sapere, Pappagallo mal educato, di che cosa ridi?

- Rido di quei barbagianni, che credono a tutte le scioccherie e che si lasciano trappolare da chi è più furbo di loro.

- Parli forse di me?

- Sì, parlo di te, povero Pinocchio, di te che sei così dolce di sale, da credere che i denari si possano seminare e raccogliere nei campi, come si seminano i fagioli e le zucche. Anch’io l’ho creduto una volta, e oggi ne porto le pene. Oggi (ma troppo tardi!) mi son dovuto persuadere che per mettere insieme onestamente pochi soldi, bisogna saperseli guadagnare o col lavoro delle proprie mani o coll’ingegno della propria testa.

- Non ti capisco, - disse il burattino, che già cominciava a tremare dalla paura.

- Pazienza! Mi spiegherò meglio, - soggiunse il Pappagallo. - Sappi dunque che, mentre tu eri in città, la Volpe e il Gatto sono tornati in questo campo: hanno preso le monete d’oro sotterrate, e poi sono fuggiti come il vento. E ora chi li raggiunge, è bravo!

Pinocchio restò a bocca aperta, e non volendo credere alle parole del Pappagallo, cominciò colle mani e colle unghie a scavare il terreno che aveva annaffiato. E scava, scava, scava, fece una buca così profonda, che ci sarebbe entrato per ritto un pagliaio: ma le monete non ci erano più.

Allora, preso dalla disperazione, tornò di corsa in città e andò difilato in tribunale, per denunziare al giudice i due malandrini, che lo avevano derubato.

Il giudice era uno scimmione della razza dei Gorilla: un vecchio scimmione rispettabile per la sua grave età, per la sua barba bianca e specialmente per i suoi occhiali d’oro, senza vetri, che era costretto a portare continuamente, a motivo di una flussione d’occhi, che lo tormentava da parecchi anni.

Pinocchio, alla presenza del giudice, raccontò per filo e per segno l’iniqua frode, di cui era stato vittima; dette il nome, il cognome e i connotati dei malandrini, e finì col chiedere giustizia.

Il giudice lo ascoltò con molta benignità: prese vivissima parte al racconto: s’intenerì, si commosse: e quando il burattino non ebbe più nulla da dire, allungò la mano e suonò il campanello.

A quella scampanellata comparvero subito due can mastini vestiti da giandarmi.

Allora il giudice, accennando Pinocchio ai giandarmi, disse loro:

- Quel povero diavolo è stato derubato di quattro monete d’oro: pigliatelo dunque e mettetelo subito in prigione.

Il burattino, sentendosi dare questa sentenza fra capo e collo, rimase di princisbecco e voleva protestare: ma i giandarmi, a scanso di perditempi inutili, gli tapparono la bocca e lo condussero in gattabuia.

E lì v’ebbe a rimanere quattro mesi: quattro lunghissimi mesi: e vi sarebbe rimasto anche di più, se non si fosse dato un caso fortunatissimo. Perché bisogna sapere che il giovane Imperatore che regnava nella città di Acchiappa-citrulli, avendo riportato una gran vittoria contro i suoi nemici, ordinò grandi feste pubbliche, luminarie, fuochi artificiali, corse di barberi e velocipedi, e in segno di maggiore esultanza, volle che fossero aperte le carceri e mandati fuori tutti i malandrini.

- Se escono di prigione gli altri, voglio uscire anch’io, - disse Pinocchio al carceriere.

- Voi no, - rispose il carceriere, - perché voi non siete del bel numero…

- Domando scusa, - replicò Pinocchio, - sono un malandrino anch’io.

- In questo caso avete mille ragioni, - disse il carceriere; e levandosi il berretto rispettosamente e salutandolo, gli aprì le porte della prigione e lo lasciò scappare.