Actions

Chapter 28

Chapter 1 Capitolo 1
Chapter 10 Capitolo 10
Chapter 11 Capitolo 11
Chapter 12 Capitolo 12
... further results

The Adventures of Pinocchio · 1 · 2 · 3 · 4 · 5 · 6 · 7 · 8 · 9 · 10 · 11 · 12 · 13 · 14 · 15 · 16 · 17 · 18 · 19 · 20 · 21 · 22 · 23 · 24 · 25 · 26 · 27 · 28 · 29 · 30 · 31 · 32 · 33 · 34 · 35 · 36

During that wild chase, Pinocchio lived through a terrible moment when he almost gave himself up as lost. This was when Alidoro (that was the Mastiff's name), in a frenzy of running, came so near that he was on the very point of reaching him.

The Marionette heard, close behind him, the labored breathing of the beast who was fast on his trail, and now and again even felt his hot breath blow over him.

Luckily, by this time, he was very near the shore, and the sea was in sight; in fact, only a few short steps away.

As soon as he set foot on the beach, Pinocchio gave a leap and fell into the water. Alidoro tried to stop, but as he was running very fast, he couldn't, and he, too, landed far out in the sea. Strange though it may seem, the Dog could not swim. He beat the water with his paws to hold himself up, but the harder he tried, the deeper he sank. As he stuck his head out once more, the poor fellow's eyes were bulging and he barked out wildly, "I drown! I drown!"

"Drown!" answered Pinocchio from afar, happy at his escape.

"Help, Pinocchio, dear little Pinocchio! Save me from death!"

At those cries of suffering, the Marionette, who after all had a very kind heart, was moved to compassion. He turned toward the poor animal and said to him:

"But if I help you, will you promise not to bother me again by running after me?"

"I promise! I promise! Only hurry, for if you wait another second, I'll be dead and gone!"

Pinocchio hesitated still another minute. Then, remembering how his father had often told him that a kind deed is never lost, he swam to Alidoro and, catching hold of his tail, dragged him to the shore.

The poor Dog was so weak he could not stand. He had swallowed so much salt water that he was swollen like a balloon. However, Pinocchio, not wishing to trust him too much, threw himself once again into the sea. As he swam away, he called out:

"Good-by, Alidoro, good luck and remember me to the family!"

"Good-by, little Pinocchio," answered the Dog. "A thousand thanks for having saved me from death. You did me a good turn, and, in this world, what is given is always returned. If the chance comes, I shall be there."

Pinocchio went on swimming close to shore. At last he thought he had reached a safe place. Glancing up and down the beach, he saw the opening of a cave out of which rose a spiral of smoke.

"In that cave," he said to himself, "there must be a fire. So much the better. I'll dry my clothes and warm myself, and then - well - "

His mind made up, Pinocchio swam to the rocks, but as he started to climb, he felt something under him lifting him up higher and higher. He tried to escape, but he was too late. To his great surprise, he found himself in a huge net, amid a crowd of fish of all kinds and sizes, who were fighting and struggling desperately to free themselves.

At the same time, he saw a Fisherman come out of the cave, a Fisherman so ugly that Pinocchio thought he was a sea monster. In place of hair, his head was covered by a thick bush of green grass. Green was the skin of his body, green were his eyes, green was the long, long beard that reached down to his feet. He looked like a giant lizard with legs and arms.

When the Fisherman pulled the net out of the sea, he cried out joyfully:

"Blessed Providence! Once more I'll have a fine meal of fish!"

"Thank Heaven, I'm not a fish!" said Pinocchio to himself, trying with these words to find a little courage.

The Fisherman took the net and the fish to the cave, a dark, gloomy, smoky place. In the middle of it, a pan full of oil sizzled over a smoky fire, sending out a repelling odor of tallow that took away one's breath.

"Now, let's see what kind of fish we have caught today," said the Green Fisherman. He put a hand as big as a spade into the net and pulled out a handful of mullets.

"Fine mullets, these!" he said, after looking at them and smelling them with pleasure. After that, he threw them into a large, empty tub.

Many times he repeated this performance. As he pulled each fish out of the net, his mouth watered with the thought of the good dinner coming, and he said:

"Fine fish, these bass!"

"Very tasty, these whitefish!"

"Delicious flounders, these!"

"What splendid crabs!"

"And these dear little anchovies, with their heads still on!"

As you can well imagine, the bass, the flounders, the whitefish, and even the little anchovies all went together into the tub to keep the mullets company. The last to come out of the net was Pinocchio.

As soon as the Fisherman pulled him out, his green eyes opened wide with surprise, and he cried out in fear:

"What kind of fish is this? I don't remember ever eating anything like it."

He looked at him closely and after turning him over and over, he said at last:

"I understand. He must be a crab!"

Pinocchio, mortified at being taken for a crab, said resentfully:

"What nonsense! A crab indeed! I am no such thing. Beware how you deal with me! I am a Marionette, I want you to know."

"A Marionette?" asked the Fisherman. "I must admit that a Marionette fish is, for me, an entirely new kind of fish. So much the better. I'll eat you with greater relish."

"Eat me? But can't you understand that I'm not a fish? Can't you hear that I speak and think as you do?"

"It's true," answered the Fisherman; "but since I see that you are a fish, well able to talk and think as I do, I'll treat you with all due respect."

"And that is - "

"That, as a sign of my particular esteem, I'll leave to you the choice of the manner in which you are to be cooked. Do you wish to be fried in a pan, or do you prefer to be cooked with tomato sauce?"

"To tell you the truth," answered Pinocchio, "if I must choose, I should much rather go free so I may return home!"

"Are you fooling? Do you think that I want to lose the opportunity to taste such a rare fish? A Marionette fish does not come very often to these seas. Leave it to me. I'll fry you in the pan with the others. I know you'll like it. It's always a comfort to find oneself in good company."

The unlucky Marionette, hearing this, began to cry and wail and beg. With tears streaming down his cheeks, he said:

"How much better it would have been for me to go to school! I did listen to my playmates and now I am paying for it! Oh! Oh! Oh!"

And as he struggled and squirmed like an eel to escape from him, the Green Fisherman took a stout cord and tied him hand and foot, and threw him into the bottom of the tub with the others.


Then he pulled a wooden bowl full of flour out of a cupboard and started to roll the fish into it, one by one. When they were white with it, he threw them into the pan. The first to dance in the hot oil were the mullets, the bass followed, then the whitefish, the flounders, and the anchovies. Pinocchio's turn came last. Seeing himself so near to death (and such a horrible death!) he began to tremble so with fright that he had no voice left with which to beg for his life.

The poor boy beseeched only with his eyes. But the Green Fisherman, not even noticing that it was he, turned him over and over in the flour until he looked like a Marionette made of chalk.

Then he took him by the head and -

Pinocchio corre pericolo di essere fritto in padella come un pesce.

Durante quella corsa disperata, vi fu un momento terribile, un momento in cui Pinocchio si credé perduto: perché bisogna sapere che Alidoro (era questo il nome del can mastino) a furia di correre e correre, l’aveva quasi raggiunto.

Basti dire che il burattino sentiva dietro di sé, alla distanza d’un palmo, l’ansare affannoso di quella bestiaccia e ne sentiva perfino la vampa calda delle fiatate.

Per buona fortuna la spiaggia era oramai vicina e il mare si vedeva lì a pochi passi.

Appena fu sulla spiaggia, il burattino spiccò un bellissimo salto, come avrebbe potuto fare un ranocchio, e andò a cascare in mezzo all’acqua. Alidoro invece voleva fermarsi; ma trasportato dall’impeto della corsa, entrò nell’acqua anche lui. E quel disgraziato non sapeva nuotare; per cui cominciò subito ad annaspare colle zampe per reggersi a galla: ma più annaspava e più andava col capo sott’acqua.

Quando torno a rimettere il capo fuori, il povero cane aveva gli occhi impauriti e stralunati, e, abbaiando, gridava.

- Affogo! Affogo!

- Crepa! - gli rispose Pinocchio da lontano, il quale si vedeva oramai sicuro da ogni pericolo.

- Aiutami, Pinocchio mio!… salvami dalla morte!…

A quelle grida strazianti, il burattino, che in fondo aveva un cuore eccellente, si mosse a compassione, e voltosi al cane gli disse:

- Ma se io ti aiuto a salvarti, mi prometti di non darmi più noia e di non corrermi dietro?

- Te lo prometto! te lo prometto! Spicciati per carità, perché se indugi un altro mezzo minuto, son bell’e morto.

Pinocchio esitò un poco: ma poi ricordandosi che il suo babbo gli aveva detto tante volte che a fare una buona azione non ci si scapita mai, andò nuotando a raggiungere Alidoro, e, presolo per la coda con tutte e due le mani, lo portò sano e salvo sulla rena asciutta del lido.

Il povero cane non si reggeva più in piedi. Aveva bevuto, senza volerlo, tant’acqua salata, che era gonfiato come un pallone. Per altro il burattino, non volendo fare a fidarsi troppo, stimò cosa prudente di gettarsi novamente in mare; e, allontanandosi dalla spiaggia, gridò all’amico salvato:

- Addio, Alidoro, fai buon viaggio e tanti saluti a casa.

- Addio, Pinocchio, - rispose il cane; - mille grazie di avermi liberato dalla morte. Tu mi hai fatto un gran servizio: e in questo mondo quel che è fatto è reso. Se càpita l’occasione, ci riparleremo.

Pinocchio seguitò a nuotare, tenendosi sempre vicino alla terra. Finalmente gli parve di esser giunto in un luogo sicuro; e dando un occhiata alla spiaggia, vide sugli scogli una specie di grotta, dalla quale usciva un lunghissimo pennacchio di fumo.

- In quella grotta, - disse allora fra sé, - ci deve essere del fuoco. Tanto meglio! Anderò a rasciugarmi e a riscaldarmi, e poi?… e poi sarà quel che sarà.

Presa questa risoluzione, si avvicinò alla scogliera; ma quando fu lì per arrampicarsi, sentì qualche cosa sotto l’acqua che saliva, saliva, saliva e lo portava per aria. Tentò subito di fuggire, ma oramai era tardi, perché con sua grandissima maraviglia si trovò rinchiuso dentro a una grossa rete in mezzo a un brulichio di pesci d’ogni forma e grandezza, che scodinzolando e si dibattevano come tant’anime disperate.

E nel tempo stesso vide uscire dalla grotta un pescatore così brutto, ma tanto brutto, che pareva un mostro marino. Invece di capelli aveva sulla testa un cespuglio foltissimo di erba verde; verde era la pelle del suo corpo, verdi gli occhi, verde la barba lunghissima, che gli scendeva fin quaggiù. Pareva un grosso ramarro ritto su i piedi di dietro.

Quando il pescatore ebbe tirata fuori la rete dal mare, gridò tutto contento:

- Provvidenza benedetta! Anch’oggi potrò fare una bella scorpacciata di pesce!

- Manco male, che io non sono un pesce! - disse Pinocchio dentro di sé, ripigliando un po’ di coraggio.

La rete piena di pesci fu portata dentro la grotta, una grotta buia e affumicata, in mezzo alla quale friggeva una gran padella d’olio, che mandava un odorino di moccolaia da mozzare il respiro.

- Ora vediamo un po’ che pesci abbiamo presi! - disse il pescatore verde; e ficcando nella rete una manona così spropositata, che pareva una pala da fornai, tirò fuori una manciata di triglie.

- Buone queste triglie! - disse, guardandole e annusandole con compiacenza. E dopo averle annusate, le scaraventò in una conca senz’acqua.

Poi ripeté più volte la solita operazione; e via via che cavava fuori gli altri pesci, sentiva venirsi l’acquolina in bocca e gongolando diceva:

- Buoni questi naselli!…

- Squisiti questi muggini!…

- Deliziose queste sogliole!…

- Prelibati questi ragnotti!…

- Carine queste acciughe col capo!…

Come potete immaginarvelo, i naselli, i muggini, le sogliole, i ragnotti e le acciughe, andarono tutti alla rinfusa nella conca, a tener compagnia alle triglie.

L’ultimo che restò nella rete fu Pinocchio.

Appena il pescatore l’ebbe cavato fuori, sgranò dalla maraviglia i suoi occhioni verdi, gridando quasi impaurito:

- Che razza di pesce è questo? Dei pesci fatti a questo modo non mi ricordo di averne mai mangiati!

E tornò a guardarlo attentamente, e dopo averlo guardato ben bene per ogni verso, finì col dire:

- Ho già capito: dev’essere un granchio di mare.

Allora Pinocchio mortificato di sentirsi scambiare per un granchio, disse con accento risentito:

- Ma che granchio e non granchio? Guardi come lei mi tratta! Io per sua regola sono un burattino.

- Un burattino? - replicò il pescatore. - Dico la verità, il pesce burattino è per me un pesce nuovo! Meglio così! ti mangerò più volentieri.

- Mangiarmi? ma la vuol capire che io non sono un pesce? O non sente che parlo, e ragiono come lei?

- È verissimo, - soggiunse il pescatore, - e siccome vedo che sei un pesce, che hai la fortuna di parlare e di ragionare, come me, così voglio usarti anch’io i dovuti riguardi.

- E questi riguardi sarebbero?…

- In segno di amicizia e di stima particolare, lascerò a te la scelta del come vuoi essere cucinato. Desideri essere fritto in padella, oppure preferisci di essere cotto nel tegame colla salsa di pomidoro?

- A dir la verità, - rispose Pinocchio, - se io debbo scegliere, preferisco piuttosto di essere lasciato libero, per potermene tornare a casa mia.

- Tu scherzi? Ti pare che io voglia perdere l’occasione di assaggiare un pesce così raro? Non capita mica tutti i giorni un pesce burattino in questi mari. Lascia fare a me: ti friggerò in padella assieme a tutti gli altri pesci, e te ne troverai contento. L’esser fritto in compagnia è sempre una consolazione.

L’infelice Pinocchio, a quest’antifona, cominciò a piangere, a strillare, a raccomandarsi e piangendo diceva: - Quant’era meglio, che fossi andato a scuola!… Ho voluto dar retta ai compagni, e ora la pago! Ih!… Ih!… Ih!…

E perché si divincolava come un anguilla e faceva sforzi incredibili, per isgusciare dalle grinfie del pescatore verde, questi prese una bella buccia di giunco, e dopo averlo legato per le mani e per i piedi, come un salame, lo gettò in fondo alla conca cogli altri.

Poi, tirato fuori un vassoiaccio di legno, pieno di farina, si dette a infarinare tutti quei pesci; e man mano che li aveva infarinati, li buttava a friggere dentro la padella.

I primi a ballare nell’olio bollente furono i poveri naselli: poi toccò ai ragnotti, poi ai muggini, poi alle sogliole e alle acciughe, e poi venne la volta di Pinocchio. Il quale a vedersi così vicino alla morte (e che brutta morte!) fu preso da tanto tremito e da tanto spavento, che non aveva più né voce né fiato per raccomandarsi.

Il povero figliuolo si raccomandava cogli occhi!

Ma il pescatore verde, senza badarlo neppure, lo avvoltolò cinque o sei volte nella farina, infarinandolo così bene dal capo ai piedi, che pareva diventato un burattino di gesso.

Poi lo prese per il capo, e…