Chapter 29

Mindful of what the Fisherman had said, Pinocchio knew that all hope of being saved had gone. He closed his eyes and waited for the final moment.

Suddenly, a large Dog, attracted by the odor of the boiling oil, came running into the cave.

"Get out!" cried the Fisherman threateningly and still holding onto the Marionette, who was all covered with flour.

But the poor Dog was very hungry, and whining and wagging his tail, he tried to say:

"Give me a bite of the fish and I'll go in peace."

"Get out, I say!" repeated the Fisherman.

And he drew back his foot to give the Dog a kick.

Then the Dog, who, being really hungry, would take no refusal, turned in a rage toward the Fisherman and bared his terrible fangs. And at that moment, a pitiful little voice was heard saying: "Save me, Alidoro; if you don't, I fry!"

The Dog immediately recognized Pinocchio's voice. Great was his surprise to find that the voice came from the little flour-covered bundle that the Fisherman held in his hand.

Then what did he do? With one great leap, he grasped that bundle in his mouth and, holding it lightly between his teeth, ran through the door and disappeared like a flash!

The Fisherman, angry at seeing his meal snatched from under his nose, ran after the Dog, but a bad fit of coughing made him stop and turn back.

Meanwhile, Alidoro, as soon as he had found the road which led to the village, stopped and dropped Pinocchio softly to the ground.

"How much I do thank you!" said the Marionette.

"It is not necessary," answered the Dog. "You saved me once, and what is given is always returned. We are in this world to help one another."

"But how did you get in that cave?"

"I was lying here on the sand more dead than alive, when an appetizing odor of fried fish came to me. That odor tickled my hunger and I followed it. Oh, if I had come a moment later!"

"Don't speak about it," wailed Pinocchio, still trembling with fright. "Don't say a word. If you had come a moment later, I would be fried, eaten, and digested by this time. Brrrrrr! I shiver at the mere thought of it."

Alidoro laughingly held out his paw to the Marionette, who shook it heartily, feeling that now he and the Dog were good friends. Then they bid each other good-by and the Dog went home.

Pinocchio, left alone, walked toward a little hut near by, where an old man sat at the door sunning himself, and asked:

"Tell me, good man, have you heard anything of a poor boy with a wounded head, whose name was Eugene?"

"The boy was brought to this hut and now - "

"Now he is dead?" Pinocchio interrupted sorrowfully.

"No, he is now alive and he has already returned home."

"Really? Really?" cried the Marionette, jumping around with joy. "Then the wound was not serious?"

"But it might have been - and even mortal," answered the old man, "for a heavy book was thrown at his head."

"And who threw it?"

"A schoolmate of his, a certain Pinocchio."

"And who is this Pinocchio?" asked the Marionette, feigning ignorance.

"They say he is a mischief-maker, a tramp, a street urchin - "

"Calumnies! All calumnies!"

"Do you know this Pinocchio?"

"By sight!" answered the Marionette.

"And what do you think of him?" asked the old man.

"I think he's a very good boy, fond of study, obedient, kind to his Father, and to his whole family - "

As he was telling all these enormous lies about himself, Pinocchio touched his nose and found it twice as long as it should be. Scared out of his wits, he cried out:

"Don't listen to me, good man! All the wonderful things I have said are not true at all. I know Pinocchio well and he is indeed a very wicked fellow, lazy and disobedient, who instead of going to school, runs away with his playmates to have a good time."

At this speech, his nose returned to its natural size.

"Why are you so pale?" the old man asked suddenly.

"Let me tell you. Without knowing it, I rubbed myself against a newly painted wall," he lied, ashamed to say that he had been made ready for the frying pan.

"What have you done with your coat and your hat and your breeches?"

"I met thieves and they robbed me. Tell me, my good man, have you not, perhaps, a little suit to give me, so that I may go home?"

"My boy, as for clothes, I have only a bag in which I keep hops. If you want it, take it. There it is."

Pinocchio did not wait for him to repeat his words. He took the bag, which happened to be empty, and after cutting a big hole at the top and two at the sides, he slipped into it as if it were a shirt. Lightly clad as he was, he started out toward the village.

Along the way he felt very uneasy. In fact he was so unhappy that he went along taking two steps forward and one back, and as he went he said to himself:

"How shall I ever face my good little Fairy? What will she say when she sees me? Will she forgive this last trick of mine? I am sure she won't. Oh, no, she won't. And I deserve it, as usual! For I am a rascal, fine on promises which I never keep!"

He came to the village late at night. It was so dark he could see nothing and it was raining pitchforks.

Pinocchio went straight to the Fairy's house, firmly resolved to knock at the door.

When he found himself there, he lost courage and ran back a few steps. A second time he came to the door and again he ran back. A third time he repeated his performance. The fourth time, before he had time to lose his courage, he grasped the knocker and made a faint sound with it.

He waited and waited and waited. Finally, after a full half hour, a top-floor window (the house had four stories) opened and Pinocchio saw a large Snail look out. A tiny light glowed on top of her head. "Who knocks at this late hour?" she called.

"Is the Fairy home?" asked the Marionette.

"The Fairy is asleep and does not wish to be disturbed. Who are you?"

"It is I."

"Who's I?"

"Pinocchio."

"Who is Pinocchio?"

"The Marionette; the one who lives in the Fairy's house."

"Oh, I understand," said the Snail. "Wait for me there. I'll come down to open the door for you."

"Hurry, I beg of you, for I am dying of cold."

"My boy, I am a snail and snails are never in a hurry."

An hour passed, two hours; and the door was still closed. Pinocchio, who was trembling with fear and shivering from the cold rain on his back, knocked a second time, this time louder than before.

At that second knock, a window on the third floor opened and the same Snail looked out.

"Dear little Snail," cried Pinocchio from the street. "I have been waiting two hours for you! And two hours on a dreadful night like this are as long as two years. Hurry, please!"

"My boy," answered the Snail in a calm, peaceful voice, "my dear boy, I am a snail and snails are never in a hurry." And the window closed.

A few minutes later midnight struck; then one o'clock - two o'clock. And the door still remained closed!

Then Pinocchio, losing all patience, grabbed the knocker with both hands, fully determined to awaken the whole house and street with it. As soon as he touched the knocker, however, it became an eel and wiggled away into the darkness.

"Really?" cried Pinocchio, blind with rage. "If the knocker is gone, I can still use my feet."

He stepped back and gave the door a most solemn kick. He kicked so hard that his foot went straight through the door and his leg followed almost to the knee. No matter how he pulled and tugged, he could not pull it out. There he stayed as if nailed to the door.

Poor Pinocchio! The rest of the night he had to spend with one foot through the door and the other one in the air.

As dawn was breaking, the door finally opened. That brave little animal, the Snail, had taken exactly nine hours to go from the fourth floor to the street. How she must have raced!

"What are you doing with your foot through the door?" she asked the Marionette, laughing.

"It was a misfortune. Won't you try, pretty little Snail, to free me from this terrible torture?"

"My boy, we need a carpenter here and I have never been one."

"Ask the Fairy to help me!"

"The Fairy is asleep and does not want to be disturbed."

"But what do you want me to do, nailed to the door like this?"

"Enjoy yourself counting the ants which are passing by."

"Bring me something to eat, at least, for I am faint with hunger."

"Immediately!"

In fact, after three hours and a half, Pinocchio saw her return with a silver tray on her head. On the tray there was bread, roast chicken, fruit.

"Here is the breakfast the Fairy sends to you," said the Snail.

At the sight of all these good things, the Marionette felt much better.

What was his disgust, however, when on tasting the food, he found the bread to be made of chalk, the chicken of cardboard, and the brilliant fruit of colored alabaster!

He wanted to cry, he wanted to give himself up to despair, he wanted to throw away the tray and all that was on it. Instead, either from pain or weakness, he fell to the floor in a dead faint.

When he regained his senses, he found himself stretched out on a sofa and the Fairy was seated near him.

"This time also I forgive you," said the Fairy to him. "But be careful not to get into mischief again."

Pinocchio promised to study and to behave himself. And he kept his word for the remainder of the year. At the end of it, he passed first in all his examinations, and his report was so good that the Fairy said to him happily:

"Tomorrow your wish will come true."

"And what is it?"

"Tomorrow you will cease to be a Marionette and will become a real boy."

Pinocchio was beside himself with joy. All his friends and schoolmates must be invited to celebrate the great event! The Fairy promised to prepare two hundred cups of coffee-and-milk and four hundred slices of toast buttered on both sides.

The day promised to be a very gay and happy one, but -

Unluckily, in a Marionette's life there's always a BUT which is apt to spoil everything.

Ritorna a casa della Fata, la quale gli promette che il giorno dopo non sarà più un burattino, ma diventerà un ragazzo. Gran colazione di caffè-e-latte per festeggiare questo grande avvenimento.

Mentre il pescatore era proprio sul punto di buttar Pinocchio nella padella, entrò nella grotta un grosso cane condotto là dall’odore acutissimo e ghiotto della frittura.

- Passa via! - gli gridò il pescatore minacciandolo e tenendo sempre in mano il burattino infarinato.

Ma il povero cane aveva una fame per quattro, e mugolando e dimenando la coda, pareva che dicesse: « Dammi un boccon di frittura e ti lascio in pace ».

- Passa via, ti dico! - gli ripeté il pescatore; e allungò la gamba per tirargli una pedata.

Allora il cane che, quando aveva fame davvero, non era avvezzo a lasciarsi posar mosche sul naso, si rivoltò ringhioso al pescatore, mostrandogli le sue terribili zanne.

In quel mentre si udì nella grotta una vocina fioca fioca, che disse:

- Salvami, Alidoro!… Se non mi salvi, son fritto!

Il cane riconobbe subito la voce di Pinocchio e si accorse con sua grandissima maraviglia che la vocina era uscita da quel fagotto infarinato che il pescatore teneva in mano.

Allora che cosa fa? Spicca un gran lancio da terra, abbocca quel fagotto infarinato e tenendolo leggermente coi denti, esce correndo dalla grotta, e via come un baleno!

Il pescatore, arrabbiatissimo di vedersi strappar di mano un pesce, che egli avrebbe mangiato tanto volentieri, si provò a rincorrere il cane; ma fatti pochi passi, gli venne un nodo di tosse e dové tornarsene indietro.

Intanto Alidoro, ritrovata che ebbe la viottola che conduceva al paese, si fermò e posò delicatamente in terra l’amico Pinocchio.

- Quanto ti debbo ringraziare! - disse il burattino.

- Non c’è bisogno, - replicò il cane. - Tu salvasti me, e quel che è fatto, è reso. Si sa: in questo mondo bisogna tutti aiutarsi l’uno coll’altro.

- Ma come mai sei capitato in quella grotta?

- Ero sempre qui disteso sulla spiaggia più morto che vivo, quando il vento mi ha portato da lontano un odorino di frittura. Quell’odorino mi ha stuzzicato l’appetito, e io gli sono andato dietro. Se arrivavo un minuto più tardi!…

- Non me lo dire! - urlò Pinocchio che tremava ancora dalla paura. - Non me lo dire! Se tu arrivavi un minuto più tardi, a quest’ora io ero bell’e fritto, mangiato e digerito. Brrr!… mi vengono i brividi soltanto a pensarvi!…

Alidoro, ridendo, stese la zampa destra verso il burattino, il quale gliela strinse forte forte in segno di grande amicizia: e dopo si lasciarono.

Il cane riprese la strada di casa: e Pinocchio, rimasto solo, andò a una capanna lì poco distante, e domandò a un vecchietto che stava sulla porta a scaldarsi al sole:

- Dite, galantuomo, sapete nulla di un povero ragazzo ferito nel capo e che si chiamava Eugenio?…

- Il ragazzo è stato portato da alcuni pescatori in questa capanna, e ora…

- Ora sarà morto!… - interruppe Pinocchio con gran dolore.

- No: ora è vivo, ed è già ritornato a casa sua.

- Davvero, davvero? - gridò il burattino, saltando dall’allegrezza. - Dunque la ferita non era grave?

- Ma poteva riuscire gravissima e anche mortale, - rispose il vecchietto, - perché gli tirarono sul capo un grosso libro rilegato in cartone.

- E chi glielo tirò?

- Un suo compagno di scuola: un certo Pinocchio…

- E chi è questo Pinocchio? - domandò il burattino facendo lo gnorri.

- Dicono che sia un ragazzaccio, un vagabondo, un vero rompicollo…

- Calunnie! Tutte calunnie!

- Lo conosci tu questo Pinocchio?

- Di vista! - rispose il burattino.

- E tu che concetto ne hai? - gli chiese il vecchietto.

- A me mi pare un gran buon figliuolo, pieno di voglia di studiare, ubbidiente, affezionato al suo babbo e alla sua famiglia…

Mentre il burattino sfilava a faccia fresca tutte queste bugie, si toccò il naso e si accorse che il naso gli s’era allungato più d’un palmo. Allora tutto impaurito cominciò a gridare:

- Non date retta, galantuomo, a tutto il bene che ve ne ho detto: perché conosco benissimo Pinocchio e posso assicurarvi anch’io che è davvero un ragazzaccio, un disubbidiente e uno svogliato, che invece di andare a scuola, va coi compagni a fare lo sbarazzino!

Appena ebbe pronunziate queste parole, il suo naso raccorcì e tornò della grandezza naturale, come era prima.

- E perché sei tutto bianco a codesto modo? - gli domandò a un tratto il vecchietto.

- Vi dirò… senza avvedermene, mi sono strofinato a un muro, che era imbiancato di fresco, - rispose il burattino, vergognandosi a confessare che lo avevano infarinato come un pesce, per poi friggerlo in padella.

- O della tua giacchetta, de’ tuoi calzoncini e del tuo berretto che cosa ne hai fatto?

- Ho incontrato i ladri e mi hanno spogliato. Dite, buon vecchio, non avreste per caso da darmi un po’ di vestituccio, tanto perché io possa ritornare a casa?

- Ragazzo mio, in fatto di vestiti, io non ho che un piccolo sacchetto, dove ci tengo i lupini. Se vuoi, piglialo: eccolo là.

E Pinocchio non se lo fece dire due volte: prese subito il sacchetto dei lupini che era vuoto, e dopo averci fatto colle forbici una piccola buca nel fondo e due buche dalle parti, se lo infilò a uso camicia. E vestito leggerino a quel modo, si avviò verso il paese.

Ma, lungo la strada, non si sentiva punto tranquillo; tant’è vero che faceva un passo avanti e uno indietro e, discorrendo da sé solo, andava dicendo:

- Come farò a presentarmi alla mia buona Fatina? Che dirà quando mi vedrà?… Vorrà perdonarmi questa seconda birichinata?… Scommetto che non me la perdona!… oh! non me la perdona di certo… E mi sta il dovere: perché io sono un monello che prometto sempre di correggermi, e non mantengo mai!…

Arrivò al paese che era già notte buia, e perché faceva tempaccio e l’acqua veniva giù a catinelle, andò diritto diritto alla casa della Fata coll’animo risoluto di bussare alla porta e di farsi aprire.

Ma, quando fu lì, sentì mancarsi il coraggio, e invece di bussare si allontanò, correndo, una ventina di passi. Si avvicinò una seconda volta alla porta, e non concluse nulla: si avvicinò una terza volta, e nulla: la quarta volta prese, tremando, il battente di ferro in mano, e bussò un piccolo colpettino.

Aspetta, aspetta, finalmente dopo mezz’ora si aprì una finestra dell’ultimo piano (la casa era di quattro piani) e Pinocchio vide affacciarsi una grossa Lumaca, che aveva un lumicino acceso sul capo, la quale disse:

- Chi è a quest’ora?

- La Fata è in casa? - domandò il burattino.

- La Fata dorme e non vuol essere svegliata: ma tu chi sei?

- Sono io!

- Chi io?

- Pinocchio.

- Chi Pinocchio?

- Il burattino, quello che sta in casa colla Fata.

- Ah! ho capito, - disse la Lumaca. - Aspettami costì, che ora scendo giù e ti apro subito.

- Spicciatevi, per carità, perché io muoio dal freddo.

- Ragazzo mio, io sono una lumaca, e le lumache non hanno mai fretta.

Intanto passò un’ora, ne passarono due, e la porta non si apriva: per cui Pinocchio, che tremava dal freddo, dalla paura e dall’acqua che aveva addosso, si fece cuore e bussò una seconda volta, e bussò più forte. A quel secondo colpo si aprì una finestra del piano di sotto e si affacciò la solita Lumaca.

- Lumachina bella, - gridò Pinocchio dalla strada, - sono due ore che aspetto! E due ore, a questa serataccia, diventano più lunghe di due anni. Spicciatevi, per carità.

- Ragazzo mio - gli rispose dalla finestra quella bestiola tutta pace e tutta flemma, - ragazzo mio, io sono una lumaca, e le lumache non hanno mai fretta.

E la finestra si richiuse.

Di lì a poco suonò la mezzanotte: poi il tocco, poi le due dopo mezzanotte, e la porta era sempre chiusa.

Allora Pinocchio, perduta la pazienza, afferrò con rabbia il battente della porta per bussare un gran colpo da far rintronare tutto il casamento: ma il battente che era di ferro, diventò a un tratto un’anguilla viva, che sgusciandogli dalle mani sparì nel rigagnolo d’acqua in mezzo alla strada.

- Ah, sì? - gridò Pinocchio sempre più accecato dalla collera. - Se il battente è sparito, io seguiterò a bussare a furia di calci.

E tiratosi un poco indietro, lasciò andare una solennissima pedata nell’uscio della casa. Il colpo fu così forte, che il piede penetrò nel legno fino a mezzo: e quando il burattino si provò a ricavarlo fuori, fu tutta fatica inutile: perché il piede c’era rimasto conficcato dentro, come un chiodo ribadito.

Figuratevi il povero Pinocchio! Dové passare tutto il resto della notte con un piede in terra e con quell’altro per aria.

La mattina, sul far del giorno, finalmente la porta si aprì.

Quella brava bestiola della Lumaca, a scendere dal quarto piano fino all’uscio di strada, ci aveva messo solamente nove ore. Bisogna proprio dire che avesse fatto una sudata!

- Che cosa fate con codesto piede conficcato nell’uscio? - domandò ridendo al burattino.

- È stata una disgrazia. Vedete un po’, Lumachina bella, se vi riesce di liberarmi da questo supplizio.

- Ragazzo mio, così ci vuole un legnaiolo, e io non ho mai fatto la legnaiola.

- Pregate la Fata da parte mia!…

- La Fata dorme e non vuol essere svegliata.

- Ma che cosa volete che io faccia inchiodato tutto il giorno a questa porta?

- Divèrtiti a contare le formicole che passano per la strada.

- Portatemi almeno qualche cosa da mangiare, perché mi sento rifinito.

- Subito! - disse la Lumaca.

Difatti dopo tre ore e mezzo Pinocchio la vide tornare con un vassoio d’argento in capo. Nel vassoio c’era un pane, un pollastro arrosto e quattro albicocche mature.

- Ecco la colazione che vi manda la Fata, - disse la Lumaca.

Alla vista di quella grazia di Dio, il burattino sentì consolarsi tutto.

Ma quale fu il suo disinganno, quando incominciando a mangiare, si dové accorgere che il pane era di gesso, il pollastro di cartone e le quattro albicocche di alabastro, colorite al naturale.

Voleva piangere, voleva darsi alla disperazione, voleva buttar via il vassoio e quel che c’era dentro: ma invece, o fosse il gran dolore o la gran languidezza di stomaco, fatto sta che cadde svenuto.

Quando si riebbe, si trovò disteso sopra un sofà, e la Fata era accanto a lui.

- Anche per questa volta ti perdono, - gli disse la Fata, - ma guai a te se me ne fai un’altra delle tue!…

Pinocchio promise e giurò che avrebbe studiato, e che si sarebbe condotto sempre bene. E mantenne la parola per tutto il resto dell’anno. Difatti, agli esami delle vacanze, ebbe l’onore di essere il più bravo della scuola; e i suoi portamenti, in generale, furono giudicati così lodevoli e soddisfacenti, che la Fata, tutta contenta, gli disse:

- Domani finalmente il tuo desiderio sarà appagato!

- Cioè?

- Domani finirai di essere un burattino di legno, e diventerai un ragazzo perbene.

Chi non ha veduto la gioia di Pinocchio, a questa notizia tanto sospirata, non potrà mai figurarsela. Tutti i suoi amici e compagni di scuola dovevano essere invitati per il giorno dopo a una gran colazione in casa della Fata, per festeggiare insieme il grande avvenimento: e la Fata aveva fatto preparare dugento tazze di caffè-e-latte e quattrocento panini imburrati di sotto e di sopra. Quella giornata prometteva d’essere molto bella e molto allegra, ma…

Disgraziatamente, nella vita dei burattini c’è sempre una ma, che sciupa ogni cosa.